Archivi tag: Jaynes

Grecità

«La forma esteriore della grecità è sparita, ma il suo spirito è imperituro. Ciò che visse una volta nella vita del pensiero dell’uomo non perirà più; seguiterà a vivere come spirito e, entrato nelle vita spirituale dell’uomo, avrà una sua particolare immortalità. Non sempre con uguale forza, non sempre nello stesso luogo riappare nella vita dell’umanità il pensiero greco; ma non perisce mai: sparisce, per ritornare; si nasconde, per riapparire. Desinunt ista, non pereunt
Rohde, Psiche.

«Gli dèi [greci] erano organizzazioni del sistema nervoso centrale e li si può considerare come ‘persone’, nel senso di forti presenze costanti nel tempo, amalgami di immagini parentali o ammonitorie. Il dio è parte dell’uomo, e del tutto coerente con questa concezione è il fatto che gli dèi non escono mai dall’ambito delle leggi naturali».
Jaynes, Il crollo della mente bicamerale e l’origine della coscienza.

«La memoria è la forca a cui pendono strangolati gli dèi greci».
Hegel