Archivi tag: Schnitzler

Res

«L’usura di ogni materia, ivi compresa la materia prima “uomo”, per la produzione tecnica dell’incondizionata possibilità di produrre tutto, è segretamente determinata dal vuoto completo in cui l’essente, la materia del reale, è sospeso. Questo vuoto deve essere riempito».
Heidegger, Oltrepassamento della metafisica.

«Il desiderio di trarre utilità dagli oggetti della natura è legato alla loro distruzione».
Hegel, Propedeutica filosofica.

«Noi non comprendiamo la morte, non la comprendiamo mai; ed ogni essere è veramente morto solo quando son morti anche tutti coloro che lo hanno conosciuto».
Schnitzler, Fiori.

«Non si è di nessuna parte finché non si ha un morto sotto terra».
Marquez, Cent’anni di solitudine.

«Sul suolo delle città si sono nominate signore
e s’insinuano per cancellarci, senz’anima, le cose».
Majakovskij, Vladimir Majakovskij.

«Quanto che fu esentato d’artificio
somiglia l’impensato delle cose
che non furono mai  Pure v’è come
patetico un rimpianto  Un mal d’amore
mancato in si star qui
che strano e vago vago e strano duole
‘me se perduto quasi ‘me morir
d’ecco son voci e sordo è il tuo sentire
ché m’hai parlata mai ‘me rosa e viola
dapersempre non sono fiorite
sulle tue labbra mute in non le dir».
Bene, ‘l mal de’ fiori.

«La decisione di morire è simile al ritiro nel regno della mera contemplazione in quanto è un ritiro da ogni azione ulteriore».
Heller, Etica generale.

«Ora, attribuire un valore assoluto a un essere non in funzione di ciò che egli fa, dei suoi atti, ma semplicemente perché egli è, in ragione del suo semplice Sein, del suo Essere, significa amarlo. […] Amando l’uomo nella sua inazione, lo si considera come se fosse morto».
Kojève, Introduzione alla lettura di Hegel.